Rebecca Sartori è bronzo ai campionati italiani assoluti

Finale combattuta e con il fiato sospeso fino agli ultimi metri. Questa la gara dei 400 metri ad ostacoli in cui è stata protagonista la bassanese Rebecca Sartori, classe 1997, bronzo ai campionati assoluti di Bressanone che si sono tenuti nel weekend del 27 e del 28 luglio. A conquistare il podio al primo posto Ayomide Folorunso con 56’’40 e al secondo posto Linda Olivieri con 56’’50, entrambe colleghe della Sartori nel gruppo sportivo della Polizia Fiamme Oro. La giovane bassanese allenata ora dal tecnico Giorgio Ripamonti ha messo in gioco le sue carte, portando a casa un tempo di 58’’43, lontano dal suo primato personale di 56’’89 conquistato nella semifinale degli europei U23 a Gävle, ma che comunque gli ha fatto conquistare il terzo gradino, superando l’atleta Caren Agreiter che ha tagliato la zona d’arrivo con il tempo di 59’’38.

Come è stata questa finale dei 400hs?

«Parto dal presupposto di non essere completamente soddisfatta della gara, questo perché fin dal terzo ostacolo ho sbagliato la ritmica. Speravo di riuscire a fare il personale, ma non è stato affatto possibile. Ad ogni modo, sono contenta di essere riuscita a conquistare la medaglia di bronzo. Era comunque l’ultima gara della stagione e quindi forse ne ho un po’ risentito ma potevo fare sicuramente meglio».

Quali sono gli impegni in programma?

«Ora la stagione si è conclusa e posso andare in vacanza. Poi a settembre farò qualche gara di velocità».

Ora la tua carriera da atleta inizia a farsi sempre più importante. Passo dopo passo. Quali sono i prossimi obiettivi?

«La mia carriera nella squadra giovanile ora è terminata. Dall’anno prossimo punto quindi a far parte della nazionale assoluta, cercando di partecipare agli europei e mettendo in campo tutte le forze possibili per riuscire a prendere parte alle prossime olimpiadi. So che è un obiettivo ambizioso, ma farò il possibile per renderlo realtà».

Tornerai a trovare la tua pista d’origine, quella del Gruppo Atletico Bassano?

«Ci torno spesso. Quando torno da Milano, dove ora vivo e mi alleno, cerco sempre di fare un salto al Gab, è da dove sono partita e gliene sarò sempre grata».

Sofia Faggion, campionessa regionale assoluta dei 400hs, ha corso la tua stessa gara a Bressanone, affermando che sei il suo punto di riferimento. Cosa ne pensi?

«Mi stupisce davvero tanto e ne sono felice. Dunque da ora in poi spero di continuare ad essere il suo punto di riferimento».

Toglici una curiosità, com’è essere parte di un gruppo sportivo come quello della Polizia Fiamme Oro?

«E’ davvero un sogno per me, come lo è per tutti coloro che vogliono fare della loro passione un lavoro. Sta andando davvero bene».

Entrambe le foto sono di FIDAL COLOMBO/FIDAL