Filippo Dalle Molle, “Diecimila per AISM”

Una grande sfida, una prova fisica notevole, una scommessa che porta con sè un messaggio sociale di grande valore. Sabato 10 agosto Filippo Dalle Molle, classe 1993 di Schio, studente in Medicina e Chirurgia, affronterà una seconda grande sfida dopo quella compiuta lo scorso anno a favore di un amico malato di sclerosi multipla. Filippo aveva allora percorso gli 8.848 metri di dislivello dell’Everest scalando ripetutamente per 11 volte la salita del Monte Summano, sulla strada che dal ponte sul torrente Gogna sale sul Novegno. Questa volta scenario protagonista sarà il Monte Grappa e confermato sarà l’intento di rendere utile questa fatica dedicandola ad Aism Vicenza con una raccolta fondi e con il racconto di testimonianze e storie da parte di chi vive tutti i giorni la sclerosi multipla e la affronta supportandone la ricerca e la sensibilizzazione.

Il percorso. Sei volte verso Cima Grappa

Filippo percorrerà sei delle dieci salite verso Cima Grappa, al rifugio Bassano, inserite nel Brevetto del Grappa, realizzando 10mila metri di dislivello positivo in modalità no stop. Tra i percorsi la Strada degli Alpini, la Strada Giardino, Il salto della Capra, la Strada Cadorna, la Strada Chiesa nuova – San Luigi. Una sfida fatta di «salite davvero toste, pendenze che fan male e lunghi tratti senza respiro». Partenza alle 5 del mattino dal Ponte degli Alpini con un programma di salite e discese studiato e provato che durerà l’intera giornata e che terminerà, dopo il sesto percorso, nella sede dell’Aism a Travettore per l’ultima diretta. Un’impresa nata dalla voglia di dedicare uno sforzo fisico così grande a chi una simile impresa non riuscirà mai a farla, o farà tanta fatica, a causa dei limiti dati dalla sclerosi multipla. In questa salita, scopo fisico e personale, c’è anche un messaggio sociale di grande spessore che aiuterà con una raccolta fondi l’associazione. Un modo per vivere la disabilità da un altro punto di vista e per sentire di poter fare qualcosa, anche poco, ma utile e concreto. «La volontà è quella di rendere utile questa mia fatica, dedicandola ad Aism Vicenza – scrive Filippo nella sua pagina Facebook – sia aprendo una raccolta fondi che presentando testimonianze, storie ed informazioni essenziali per comprendere a fondo come funzioni l’associazione e cosa voglia dire convivere con la sclerosi multipla». Aism, grazie alla collaborazione dei volontari, lo sosterrà con una postazione in Cima Grappa. «L’evento sarà occasione per conoscere e sostenere AISM – spiega Filippo – attraverso le mie parole e quelle di alcuni ospiti che presenteranno le loro storie ed esperienze dirette».

Leggi anche:  Schio, a fuoco una stalla abbandonata. Salve le case vicine

Le testimonianze in diretta

Durante l’impresa infatti Filippo farà, rete permettendo, una diretta Facebook per ogni salita con una scaletta che prevederà una introduzione dedicata all’associazione Aism, il senso dell’essere volontario, tre storie testimonianze dirette introdotte da un intervento della Presidente Sonia Franzina, e, a chiudere, un argomento caldo dell’associazione. «E’ un modo per far conoscere in maniera “meno medica” cos’è la sclerosi multipla – spiega Sonia Franzina –  Parlare della nostra realtà, del centro, di tutto quello di cui abbiamo bisogno. Per noi sarà fisicamente una giornata intensa ed impegnativa, ma ci saremo. Che Filippo si sia preso carico del nostro messaggio con questa sensibilità e con la volontà di far conoscere cos’è l’Aism e il prezioso mondo del volontariato, non può che trovare il nostro pieno appoggio e sostegno». La sfida è lanciata. Non resta che seguire, supportare, incoraggiare. «Chiunque volesse passare per condividere parte della mia fatica – commenta Filippo – sarà più che benvenuto».