Montegrappa Jazz Fesival: Il weekend di Operaestate e Terre Graffiate

Nel finesettimana del 13 e 14 luglio Operaestate e l’associazione Terre Graffiate propongono un’esperienza unica tra musica, paesaggio, la storia, i prodotti tipici e gli alpeggi estivi. Tra i luoghi del Monte Grappa, teatro della Grande Guerra, si susseguiranno otto band locali e internazionali dalla mattina fino alla prima serata: con la loro musica ricorderanno ciò che è accaduto in questi luoghi, tenendone viva la memoria.

La rassegna si aprirà sabato 13 alle 11.30 all’Agriturismo Malga Vittoria, con il Duo –  In replica anche alle ore 14.00 all’Albergo Ristorante San Giovanni – formato da Giulio Campagnolo e Gioele Pagliaccia. Nato nel 2013 e molto attivo nella scena jazz italiana ed internazionale, Il Duo suona una miscela di funk, soul e jazz, passando per l’afrobeat e la musica elettronica, senza mai dimenticare le radici degli strumenti suonati. Il repertorio è composto sia da pezzi originali che da qualche standard di maestri come John Coltrane, Lou Donaldson e Mulatu Astatke.

Contemporaneamente, alle 11.30, ma al Rifugio Ale Madre, protagonista sarà il Backward Trio di Francesco Bordignon, Andrea Ragnoli e Jody Zannoni. Formazione nata nel 2017 e composta da tre giovani musicisti provenienti dal panorama jazz vicentino. Il repertorio prende ispirazione sia dai grandi del passato sia dalla scena jazz contemporanea. Il risultato è una scelta di brani dal sound fresco e moderno, tra cui compaiono anche pezzi originali. I Backward replicheranno anche all’Agriturismo da Baldino alle ore 14.00.

A seguire, ore 15.00 Rifugio Alpe Madre, si esibiranno il Filippo Vignato Trio (Attila Gyarfas, Yannick Lestra, Filippo Vignato) con la voce di Marta Raviglia. Progetto internazionale attivo dal 2014, il gruppo si presenta come un universo sonoro dove le dimensioni acustica ed elettrica si fondono e si sovrappongono, spingendosi in un discorso musicale inaspettato e imprevedibile che spazia con disinvoltura tra jazz contemporaneo, improvvisazione radicale e forma canzone. Il gruppo suonerà nuovamente alle ore 17.00 presso l’Agriturismo da Baldino.

Alle 15.00, presso l’Agriturismo Malga Vittoria, e successivamente alle 17.00 pressom l’albergo Risotrante San Giovanni, suoneranno anche i Maisemat Jazz, band composta da Nathan Francis, Daniele Patton e Pasquale Rinaldi. Maisemat è l’unione di tre musicisti internazionali che mira ad esplorare i paesaggi sonori unici presenti nella mente umana. La band si è formata a Helsinki, in Finlandia, dove per la prima volta i componenti si sono incontrati. Maisemat in finlandese significa appunto “paesaggi”. Il gruppo presenta pezzi inediti e interamente composti dalla band, che hanno già ricevuto l’attenzione internazionale.

Leggi anche:  Dal 21 al 25 agosto a Bassano del Grappa è Bmotion Danza

Domenica 14 il programma musicale presenta il concerto dei Saxy Shop – ore 11.30 Baita Camol e ore 14.30 Trattoria Cibara – quintetto formato da Alessandro Barbieri, Andrea Moro, Stefano Nardon, Jacopo Novello e Marco Spagnolo. Una  formazione giovane ma che conta già numerose esibizioni in importanti realtà locali, propone un jazz ricco di contaminazioni, che sconfinano nella musica funk e con riferimenti al rock sofisticato e unico di Frank Zappa.

Contemporaneamente – ore 11.30 Malga Campo Croce e ore 14.00 Malga Moda  suoneranà il Leonardo Franceschini Trio ( Francesco Bordignon, Niccolò Romanin e Leonardo Franceschini).  Appuntamento all’insegna del jazz moderno, il trio propone una performance ricca di ritmo ed energia ricercando un flusso musicale delineato da continui scambi espressivi fra i tre giovani musicisti. All’interno del repertorio si potranno ascoltare principalmente brani originali del chitarrista, standard della tradizione jazzistica riarrangiati e brani di artisti come Bill Frisell, Kenny Wheeler, Bill Evans.

La Baita Camol alle 15.00 ospiterà il PBP trio – in replica alle 17.00  alla trattoria Cibara – con Rosa Brunello, Gioele Pagliaccia e Michele Polga. Formazione dove i tre propongono sia pezzi originali che qualche standard di maestri come Thelonious Monk, Eric Dolphy e Tom Waits, mantenendo i piedi ben saldi nella tradizione senza però mai dimenticarsi del presente, di quello che è possibile e che ancora non è stato fatto.

Infine il programma prevede la doppia esibizione della Jessie’s Way Swing Band –  ore 15.00 alla Malga Campo Croce e ore 17 .00 Malga Moda composta da Beppe Calamosca, Franco Dal Monego, Renzo De Rossi, Beppe Pilotto e Gessica Jessie Zonta. Una grande passione per la musica swing dell’America di inizio e metà secolo scorso ha mosso Gessica Zonta (in arte Jessie) a collaborare con diversi musicisti e formazioni nel corso degli ultimi anni, spingendola a ricreare anche il ballo swing per eccellenza, il Lindy Hop. La Jessie’s Way Swing Band è il suo personale modo di riportare il pubblico in quel scintillante, entusiasmante e turbinante periodo.