Ricette con le castagne, un must di stagione. La castagna è un capolavoro dell’autunno: si tratta di una straordinaria portatrice di piccoli benefici per il nostro corpo. Ricche di carboidrati, cellulosa e potassio, sono un prezioso alleato per il buon funzionamento dell’intestino e per la sua regolarità. Inoltre mettono in mostra anche buone proprietà antinfiammatorie e antiossidanti. Fra i piatti più gettonati e assolutamente positivi per il nostro corpo perché non prendere in considerazione la zuppa di castagne? Il soffritto è affidato ad una carota a pezzettini, una costa di sedano tritato e ad una cipolla, sempre tritata. Quindi servirà aggiungere sei tazze di brodo vegetale, prezzemolo fresco tritato, un quarto di cucchiaino di chiodi di garofano, un paio di foglie di alloro. E poi ecco le castagne, l’elemento cardine: ne saranno necessarie circa tre tazze.

Ricette con le castagne

Una volta unito il tutto servirà portare ad ebollizione, lasciando cuocere per una mezz’oretta a fuoco lento e con il coperchio. Entra in gioco il frullatore, con cui ricavare la zuppa. Quest’ultima tornerà in pentola e bisognerà aggiungere un quarto di tazza di latte di soia: l’ultimo tocco sono sala e pepe, e all’occorrenza degli ottimi crostini per godere ancora di più.

Torniamo all’antipasto

Facciamo un passo indietro e pensiamo all’antipasto: forse non sarà il top dal punto di vista salutistico, ma di sicuro il gusto e il piacere capace di sprigionare non lascia indifferenti. Parliamo di un piatto antico, che utilizza patate e castagne come elementi chiave. Per cominciare servirà lessarne una trentina in acqua salata, facendo lo stesso con cinque patate, in seguito da tagliare a pezzetti. In una padella inserire la cipolla tritata facendola soffriggere con il burro. E’ il momento poi della pancetta, meglio se tagliata a striscioline, da aggiungere in padella con sale e pepe. In un contenitore, possibilmente di terracotta, unire castagne, patate e pancetta, per ottenere un antipasto da urlo e di stagione.

Leggi anche:  La ricetta del brasato e come scegliere la carne

La torta di castagne

Impossibile non chiudere con la torta di castagne, specialità tutta piemontese, particolarmente gettonata nella zona del Monferrato. Attenzione: le castagne da utilizzare possono essere cresce e quindi lessate e trasformate in purea, oppure secche e tritate finemente quasi ad ottenerne una farina (meglio utilizzare uno strumento dedicato). Questa è la base, a cui poi si possono aggiungere amaretti, mele, frutta secca varia e persino limone o arancia per donare alla torta una sfumatura di agrumi. A volte vengono inseriti persino il cacao o il cioccolato, che sia al latte o fondente, come nella versione che vedremo di seguito.

Ingredienti e procedimento

Ma andiamo con ordine: partiamo sbattendo tre uova con cento grammi di zucchero. Far sciogliere a bagnomaria centro grammi cioccolato con mezz’etto di burro, in seguito da aggiungere alle uova e allo zucchero. Completa il quadro l’aggiunta della farina di castagne, ricavata da circa 300 grammi di castagne, alternata con 250 millilitri di latte. E’ il turno di utilizzare una bustina di vanillina, una di lievito e di inserire un pizzico di sale. Il tutto andrà versato in una teglia (in precedenza cosparsa di olio) ed inserito in forno, già portato ad una temperatura di 180°. Servirà una mezz’oretta abbondante… ma il risultato varrà la pena dell’attesa!