Valdagno e Recoaro, fermata “Sweed Gang” dei bulli

Quattro giovani, tra cui tre minorenni, autori di scorribande, furti e vandalismi nell’alta Valle dell’Agno sono stati identificati e denunciati dai carabinieri.

L’indagine era stata avviata lo scorso maggio in seguito al furto di due ciclomotori avvenuto alla stazione dei bus di Recoaro Terme. Gli uomini dell’Arma sono risaliti in breve tempo all’individuazione di alcuni minorenni, organizzati in un gruppo a cui i giovani stessi avevano dato il nome di “Sweed Gang”. L’indagine, coordinata dalle Procure per i Minorenni di Venezia e da quella ordinaria di Vicenza ha portato all’individuazione del gruppo composto da 9 giovani della zona. Il gruppo di ragazzi imperversava “bullescamente” nell’alta valle, vessando altri
minori, perpetrando furti e danneggiamenti. Nell’ascesa del comportamento criminale alcuni giovani hanno deciso di lasciare il gruppo, mentre altri hanno continuato a commettere atti molesti e reati.

Nel corso delle indagini, in seguito ad alcune perquisizioni, è stata reperita gran parte della refurtiva, per lo più motorini e parti di essi, già cannibalizzati e rivenduti. Ai primi di agosto la chiusura del cerchio con denunciati in Stato di libertà. Tra loro un neo maggiorenne e tre minorenni.

Leggi anche:  Malore al mare in Sicilia, il ciclismo piange Felice Gimondi

Si tratta di: C.N., 18 anni, studente incensurato, denunciato per ricettazione e riciclaggio; C.G., 17 anni, in attesa di occupazione, volto già noto alle forze dell’ordine e ritenuto il capo del gruppo, denunciato per resistenza a pubblico ufficiale, furto aggravato, danneggiamento, ricettazione, riciclaggio, spaccio di sostanza stupefacente; S.S., 15 anni, in attesa di occupazione, volto già noto alle forze dell’ordine, denunciato per concorso in furto e in furto aggravato; P.N., 17 anni, studente incensurato, denunciato per furto, furto aggravato e danneggiamento.