Strage di Kitzbuhel: Ha giocato contro l’Asiago e poi è stato ucciso

Nella notte di domenica 6 ottobre, in una villa di Kitzbuhel, nel quartiere Vordergrub, in Austria, un 25enne ha ucciso cinque persone per gelosia. L’assassino, infatti, non riusciva ad accettare che la sua ex fidanzata Nadine, di soli 19 anni, avesse iniziato una relazione con un altro, così ha deciso di porre fine alla vita di lei, del suo nuovo compagno, dei genitori e del fratello di lei.

Il nuovo compagno di lei era Florian Janny, 24enne acquistato da due mesi dalla squadra di hockey Die Adler Kitzbühel. Lo scorso sabato 5 ottobre, ha giocato la sua ultima partita come portiere contro la squadra di hockey di Asiago. Quest’ultima, nella sua pagina Facebook, ha scritto un post per esprimere il proprio cordoglio:

“Apprendiamo con grande tristezza che nella strage di Kitzbühel una delle vittime è il portiere Florian Janny, che proprio ieri difendeva la sua porta contro l’Asiago. Ci stringiamo forte ed esprimiamo le nostre più sentite condoglianze alla società, ai compagni di squadra e alla famiglia”.