Rifiuti sotto la Valdastico: Entro fine anno la sentenza

Sono quattro le imprese, due venete e due lombarde, che rischiano una condanna di sette anni e mezzo per smaltimento abusivo di rifiuti e frode in commercio. Queste sono state le pene richieste dal PM Lucia d’Alessandro, della direzione distrettuale antimafia di Venezia.

I materiali inquinanti

Sarà il Tribunale di Vicenza che entro l’anno pronuncerà la sentenza in merito ai materiali inquinanti riversati sotto il manto stradale della Valdastico Sud. Questi, secondo alcune testimonianze, sarebbero materiali di scarto delle fonderie, oppure con presenza di cromo esavalente, amianto e nichel. L’accusa, formata da parti civili e numerose associazioni, chiede centinaia di migliaia di euro di risarcimento e il ripristino dei luoghi inquinati dai rifiuti abusivi.

La difesa

I difensori degli imputati, al contrario, chiedono la piena assoluzione poiché non ci sarebbe alcuna prova concreta dell’inquinamento provocato.