Pomeriggio di paura nel centro di Thiene

Tampona un’auto ferma all’attraversamento pedonale, inveisce contro il guidatore e scappa seminando il terrore per le strade di Thiene. È accaduto ieri, domenica 9 giugno in via San Gaetano. Protagonista un 24enne residente nella Valle dell’Agno, in evidente stato di alterazione psico-fisica. Mentre la Giulietta guidata da A.R. si trovava ferma alle strisce per fare attraversare i pedoni, il giovane, alla guida di una Nissan Note, l’ha tamponata ed anziché scusarsi, ha iniziato ad inveire contro la conducente, per poi allontanarsi frettolosamente.

La donna ha contattato la polizia locale per raccontare quanto accaduto, fornendo targa del veicolo e caratteristiche del soggetto, tra le quali una vistosa ferita al volto. Nel contempo, molti cittadini hanno tempestato la centrale operativa di comunicazioni circa le evoluzioni altamente pericolose dell’autovettura in questione nel centro storico di Thiene. In più occasioni l’auto guidata dal 24enne si è scontrata con cordoli e marciapiedi, zig-zagando, provocando lo scoppio di un pneumatico e la rottura dei cerchioni.

Le pattuglie della polizia locale, già allertate per la ricerca del soggetto, hanno verificato la posizione dell’autovettura anche attraverso i varchi elettronici di lettura targhe. Constatando che la Nissan era appena transitata al varco di via Cappuccini, una pattuglia si è recata sul posto, scoprendo che era uscita di strada. Un motociclista ha avvisato gli agenti che il ragazzo era scappato, inseguito da una persona che passava di lì. Poco dopo il fuggitivo ed il suo inseguitore sono stati raggiunti dagli agenti. La persona che ha inseguito il giovane si è presentata come Assistente Capo della Polizia di Stato presso la Questura di Vicenza, nella circostanza fuori servizio. Quest’ultimo, assistendo alla fuoriuscita del mezzo, aveva invitato il conducente ad attendere l’arrivo della polizia locale, ma questi era scappato.

Leggi anche:  Vicenza, Perde il controllo in tangenziale e si schianta

Con molta fatica gli agenti sono riusciti a bloccare il conducente, in evidente stato di alterazione psico-fisica e ad accompagnarlo in comando, dove è stato prelevato dall’ambulanza e poi ricoverato. Gli accertamenti permettevano di stabilire che già il venerdì precedente il giovane era andato in escandescenza a seguito di assunzione di superalcolici ed era stato bloccato dall’intervento di 118 e carabinieri. Il 24enne si è impossessato della chiave della Nissan senza il consenso della proprietaria, una conoscente del ragazzo. Ironia della sorte, la patente di guida gli era stata restituita solo in 30 maggio. Preziosa anche la testimonianza dell’Ass. Alberto Samperi, che si è visto sfiorare in centro dall’autovettura impazzita.

Il ragazzo verrà proposto all’Autorità Giudiziaria per l’applicazione di idonea misura di sicurezza, al fine di impedire che crei ulteriori pericoli. Inoltre, è stato denunciato per omissione di soccorso e fuga (la conducente dell’autovettura Giulietta non ha riportato lesioni e per tale motivo non è stato possibile procedere all’arresto) e resistenza a pubblico ufficiale. Sarà destinatario di verbali per le varie infrazioni al codice della strada.