Esami per la patente truccati a Vicenza

Attraverso l’analisi dei tabulati telefonici, i militari sono risaliti ai quaranta indagati, residenti nelle province di Vicenza, Varese, Milano, Monza e Brianza, Piacenza, Olbia, Crema e Brescia.

Oltre cento persone avrebbero ottenuto in modo truffaldino la licenza di guida, grazie proprio ai quaranta indagati, appartenenti a un vero e proprio giro di affari per truccare gli esami. Ma come avveniva la truffa? Semplice, con auricolari e telefoni cellulari collegati in diretta con un suggeritore esterno. Si tratta di cittadini stranieri, egiziani, marocchini, indiani e bengalesi che fornivano l’attrezzatura elettronica per potersi far suggerire le risposte da casa a clienti, sempre stranieri, disposti a versare fino a 2.500 euro. L’indagine è partita da un’inchiesta dei carabinieri a Varese.