Vicenza, record di ricoveri per il gran caldo

Sono stati tantissimi, più di 500, gli accessi al pronto soccorso del San Bortolo nel fine settimana dovuti al caldo. In quello che è stato uno dei weekend più afosi dell’anno, le urgenze da seguire hanno registrato un lavoro da record per medici e infermieri. Tanti i codici verdi e bianchi, qualche codice giallo.

Non solo anziani ma anche giovani che accusano i classici sintomi da disidratazione con debolezza, febbre alta, difficoltà respiratorie e colpi di calore con sintomi che vanno dalla cefalea alla nausea. Secondo i consigli del personale sanitario è necessario non essere imprudenti e prestare attenzione e non sottovalutare l’arsura di questi giorni. Evitare attività fisica all’aperto nelle ore più calde, non bere bibite troppo ghiacciate, mangiare leggero, fare attenzione al cambio delle temperature col passaggio nei luoghi climatizzati.

L’emergenza durerà ancora per qualche ora. L’arrivo della perturbazione sul territorio Vicentino è attesa per martedì sera quando i rovesci, anche di forte intensità, faranno abbassare le temperature di circa 6 gradi.