Nella soap opera «Beautiful», interpretava Thorne Forrest, fratello di Ridge e fidanzato di Caroline.

Molti lo ricordano con i suoi capelli biondi e gli occhi azzurri. Nella soap opera «Beautiful», interpretava Thorne Forrest, fratello di Ridge e fidanzato di Caroline. A distanza di oltre 30 anni, il fascino di Clayton Norcross è ancora intramontabile. Nonostante la carta d’identità dica che il prossimo 8 settembre per lui saranno 65 primavere, ne dimostra molti di meno. Merito di uno stile di vita attento sotto il profilo dell’alimentazione e dell’attività fisica. In questi giorni si trova ospite dal suo amico Andrea Carollo, titolare di una Academy e personal trainer di numerosi vip. I due si conoscono da diversi anni e Carollo lo segue sia come personal trainer, sia come guida spirituale. Nonostante questi per l’attore dovrebbero essere giorni di riposo, il suo telefono squilla continuamente. I numerosi impegni non lo lasciano tranquillo nemmeno durante le vacanze. La sua disponibilità e la sua empatia lo contraddistinguono. «La prima volta che sono venuto in Italia è stato nel 1983. Ero ancora uno sconosciuto e ho lavorato come modello per alcuni prestigiosi marchi italiani come Armani e Ferragamo. Ci sono molte cose che mi piacciono del vostro Paese: le persone, la cucina e l’ambiente romantico. In queste settimane sono stato in Liguria, a Milano Marittima, in Basilicata e a Roma. Ora sono ospite del mio amico Andrea Carollo nella sua casa di Tezze sul Brenta. Ripartirò per l’America tra qualche giorno poi tra qualche mese ritornerò».

Ma come ci è finito in un set cinematografico?

«Sempre in quegli anni, a New York, Chicago e Los Angeles, erano in corso i provini per le parti di una nuova soap opera che si sarebbe chiamata “Beautiful”. Eravamo in duecento pretendenti e un particolare che quasi nessuno sa, è che per il ruolo di Thorne era stato scelto un altro candidato. Quando tutto ormai sembrava deciso, rivedendo per la seconda volta il mio provino, hanno cambiato idea scegliendo me. Diciamo che sono riuscito a diventare Thorne anche con un pizzico fortuna».

Che ricordi ha di quel periodo?

«Ho interpretato il mio personaggio per tre anni per un totale di 628 puntate. Diversamente da quello che molti pensano, la vita dell’attore non è affatto facile e comporta molti sacrifici. Per cinque giorni alla settimana, dalle ore 7 alle 19 eravamo nel set per le registrazioni. I ritmi erano intensi e c’erano pochi momenti per riposare».

Come mai ha scelto di non continuare l’avventura?

«Stavo vivendo un momento particolare della mia vita. Attraversavo una crisi con la donna che amavo. Poi la trama di “Beautiful” non mi piaceva più. Ho preferito lasciare dato che c’era il rischio che entrassi troppo nel personaggio e che mi ricordassero solo per quello. Non sono Thorne Forrest, ma Clayton Norcross. Un attore deve seguire il suo sentiero. Guardate per esempio Sean Connery, dopo aver interpretato per un paio di volte James Bond, ha deciso di lasciare per dedicarsi ad altro. Un attore che sta facendo bene è Leonardo Di Caprio. Oltre ad essere bravo, è molto professionale».

Leggi anche:  Etra: "Freddo e gelo, coprite i contatori"

Ha rivisto altri interpreti?

«Tempo fa ho rivisto casualmente Ronn Moss a Milano Marittima nel corso di un torneo benefico di tennis. La stampa appena ci ha visti assieme, ci ha fatto molte foto. Erano diversi anni che non ci vedevamo, quindi è stato un piacere per entrambi. Comunque, sono rimasto con tutti in ottimi rapporti».

La sua carriera com’è proseguita?

«Ho preso parte al cast di qualche film e di alcune serie Tv come “La donna del mistero 2”, “Milagros” e “Baywatch”. Nel 1998 in Italia ho condotto “La posta del cuore” assieme a Sabina Guzzanti. Ho preso anche parte alla “Fattoria”, il reality show di Canale 5. Ora lavoro come produttore».

Quali sono i suoi prossimi progetti?

«Assieme alla mia partner lavorativa Grace, stiamo lavorando alla realizzazione di un programma che andrà in onda in Italia nel prossimo autunno. Si chiama “Beautiful Wedding” e racconterà storie di matrimoni tra stranieri ed italiani. Poi stiamo realizzando anche “Angeli Brutali”, una serie tv di genere poliziesco».

Qual è la sua giornata tipo?

«Ogni mattina, dopo essermi lavato la faccia, abbraccio me stesso dicendo frasi di autostima come “ti voglio bene”, “ti amo”. Poi faccio 15 minuti di yoga, un po’ di meditazione e ginnastica. In questi giorni, grazie ad Andrea, faccio anche delle sedute di riti sciamanici. Mi piace il contatto con la natura, quindi ne ho approfittato per fare diverse passeggiate sul Monte Grappa. Andrea mi sta guidando in un percorso interessante per conoscere meglio il mondo vegano. Sto imparando ad assumere proteine vegetali al posto di quelle animali».

Qual è la sua situazione sentimentale?

«Ho divorziato appena quattro mesi fa da mia moglie. Purtroppo, per stare assieme a me, occorre seguire anche la mia vita piena di impegni».