Isola dello Sport: le travi sono arrivate. Si posa il tetto della palestra

A Borgo Isola inizia la fase più spettacolare e delicata dei lavori di costruzione del nuovo palazzetto dello sport. Sta infatti per prendere avvio il montaggio del tetto della futura palestra dell’Isola dello Sport. Un edificio che, come noto, sarà messo a servizio delle società sportive locali e soprattutto delle vicine scuole medie di San Giuseppe, ad oggi sprovviste di spazi adeguati per l’educazione fisica. Esso costituirà il primo elemento del polo per l’attività sportiva e ricreativa progettato dal Comune di Cassola per riqualificare e dare una nuova destinazione ai manufatti incompiuti dell’area ex Acquapark.

Le travi

Le travi – dieci monoliti in legno lamellare da 36 metri di lunghezza per quasi due metri di altezza e 24 centimetri di spessore – sono arrivate stamattina all’alba con un trasporto speciale partito ieri notte da Parma. Completate le operazioni di scarico dal camion, questi giganti saranno issati sulla sommità dell’edificio in fase di realizzazione e andranno a costituire l’ossatura di quello che diventerà il tetto dello stabile. Saranno le maestranze della ditta Scientia Srl, aggiudicatasi l’appalto per il primo stralcio del recupero e della messa in sicurezza del sito, ad eseguire il lavoro di posa, che si preannuncia complesso quanto “scenografico”.

Leggi anche:  La "Stella" Samuel Peron ospite di Asolo Fashion Lab

I lavori

Le attività di montaggio dureranno per tutta la settimana. In quella successiva gli operai potranno invece cominciare ad installare i pannelli di lamiera che, assieme alle travature, andranno a costituire il tetto vero e proprio del palazzetto. Si tratta di passaggi cruciali; una volta pronta la copertura, sarà infatti possibile concentrare le attività all’interno, portando avanti quindi anche tutta la parte impiantistica e, di seguito, quella relativa alle finiture e alla sistemazione degli arredi. Salvo imprevisti la palestra sarà pronta per l’utilizzo entro settembre: in tempo quindi per l’inizio del nuovo anno scolastico e dell’attività agonistica delle associazioni sportive. Il costo di questa prima tranche dell’ampio progetto di recupero e messa in sicurezza dell’area è di circa 2 milioni di euro.