Infanzia, in arrivo 18,9 milioni per nidi e materne paritarie

Sono in arrivo ai Comuni veneti le risorse statali per nidi e scuole materne paritarie. La Regione Veneto ha ratificato l’intesa Stato-Regioni sul piano di azione pluriennale per il sistema integrato di educazione per i bimbi 0-6 anni. Intesa che, in accordo con Fism e Anci, dà il via libera al trasferimento ai Comuni del Veneto dei 18,9 milioni di fondi statali per sostenere la gestione dei 793 nidi e delle 1109 scuole materne presenti nel territorio regionale, frequentati da oltre 100 mila bambini, 76 mila nelle scuole d’infanzia e 24 mila nei nidi. Da parte sua la Regione Veneto ha già anticipato il cofinanziamento regionale 2019 per 34 milioni di euro, equamente ripartiti tra nidi e scuole per l’infanzia.

“Il Veneto è l’unica regione in Italia – sottolinea l’assessore alla Sanità e al Sociale Manuela Lanzarin che a Roma ha rappresentato il Veneto ai tavoli di intesa sul sistema educativo integrato per  l’infanzia –  dove 4 bambini su 10 in età 0-6 anni frequentano un nido o una materna paritaria. E al tempo stesso  è l’unica Regione che finanzia con risorse proprie  le spese di gestione di queste scuole con più del doppio di quanto paghi lo Stato. L’intesa Stato-Regioni impegna le Regioni a un cofinanziamento ‘pari ad almeno il 30 per cento delle risorse assicurate dallo Stato’. In Veneto, invece, il rapporto è invertito:  la Regione si fa carico del 60 per cento del contributo pubblico a nidi e materne, mentre la quota del Fondo nazionale per il sistema integrato sta al 40 per cento”.

Quasi 58 milioni di sostegno pubblico alla fascia pre-obbligo scolastico

A chiusura dell’esercizio 2019 arriveranno quindi alle 1902 strutture paritarie per l’infanzia del Veneto 18.916.714 euro di contributi del Fondo nazionale per il sistema integrato di educazione e istruzione, che insieme ai 33.927.500 mln di contributi regionali già anticipati nel corso dell’anno e ai 5 milioni di contributi in conto capitale per l’ammodernamento dei nidi portano il sostegno pubblico 2019 al sistema educativo e di istruzione paritaria per i bambini della fascia pre-obbligo scolastico a complessivi 57.916.992 milioni di euro.

Leggi anche:  Zanoni: "Il suolo veneto tra spreco e cambiamento"

“Nonostante la cronica ristrettezza di risorse, la Regione Veneto riesce a mantenere costante negli anni il proprio aiuto ai Comuni per assicurare un servizio indispensabile alle famiglie – fa presente l’assessore Lanzarin –  Se nidi e materne paritarie dovessero chiudere, un bambino su tre rimarrebbe a casa, in quanto la rete dei servizi statali è ampiamente sottodimensionata o addirittura assente in molte aree geografiche del Veneto.  La scelta di sostenere il sistema delle paritarie per l’infanzia è particolarmente impegnativa per il bilancio regionale, ma va confermata  per il valore sociale delle nostre scuole e del servizio indispensabile che rendono ai bambini, ai genitori e alle comunità territoriali di cui sono espressione”.

Nel dettaglio, i contributi al Veneto del Fondo nazionale per il Sistema integrato di educazione e di istruzione2019 sono così ripartiti tra le sette province:

 Fondi Statali Anno 2019

Servizi educativi prima infanzia 0-3 anni

Scuole per l’infanzia non statale 0-3 anni

TOTALI

Prov

n° servizi

 Contributo statale

n° servizi

 Contributo statale

n° servizi

 Contributo statale

BL

26

 €       276.003,23

36

 €       278.284,38

62

 €           554.287,61
PD

156

 €    1.899.066,99

231

 €    1.999.330,24

387

 €        3.898.397,23
RO

45

 €       416.602,21

60

 €       445.119,23

105

 €           861.721,44
TV

129

 €    1.485.709,26

228

 €    1.923.188,10

357

 €        3.408.897,36
VE

112

 €    1.403.666,81

152

 €    1.261.029,27

264

 €        2.664.696,08
VI

137

 €    1.710.012,28

183

 €    1.570.838,99

320

 €        3.280.851,27
VR

188

 €    2.181.546,59

219

 €    1.894.817,15

407

 €        4.076.363,74
Totale

793

 €    9.372.607,37

1109

 €    9.372.607,36

1902

 €      18.745.214,73