«Ci sto? Affare fatica»: il successo a Pove del Grappa

Si è svolto con grande successo anche nel Comune di Pove del Grappa il progetto «Ci sto? Affare fatica» che ha coinvolto nelle scorse settimane una ventina di ragazzi tra i 14 e 19 anni residenti in paese in attività di manutenzione e cura dei luoghi pubblici. Come primo anno, la risposta è stata davvero oltre le aspettative. Piena soddisfazione da parte dell’amministrazione comunale, dei ragazzi e degli Handyman. Il lavoro è stato diviso in due squadre che si sono impegnate nelle attività di cura dei beni comuni del paese come pulizia dei parchi, la manutenzione delle panchine, dei tavoli, delle staccionate e delle fontane. Abbiamo visto i partecipanti, con la caratteristica maglia rossa, lavorare in tante zone del paese: il Parco delle Rose, la zona impianti sportivi, la Piazza degli Scalpellini, la Ciclopista del Brenta e il parco di via Rea. Un ruolo chiave è stato affidato agli Handyman ossia i «maestri d’arte». Si trattava di adulti con grande esperienza e capaci di trasmettere piccole competenze tecniche e artigianali ai ragazzi: Tiziano Fantinato, Claudio Moro, Luciano Negrello e Gianfranco Poli.

Gli obiettivi principali del progetto sono stati quelli di educare le giovani generazioni a prendersi cura, custodia e laddove possibile ripristino del proprio territorio, la loro casa, il tutto incentivando il lavoro di gruppo e la socializzazione tra i ragazzi. Le due settimane di lavoro sono terminate poi con un meraviglioso pranzo organizzato dal Comitato di Via Rea, al quale hanno presenziato il Sindaco Francesco Dalmonte, l’Assessore alle politiche giovanili Silvia Fiorese e l’Ex Assessore Alessandro Zen. Lo stesso assessore Fiorese ha espresso il proprio ringraziamento nei confronti degli ex assessori Alessandro Zen e Giovanna Donazzan proprio per aver portato il comune di Pove del Grappa ad aderire all’iniziativa, che anno dopo anno coinvolge sempre più i giovani del paese.