Premio Donna dell’Anno, tra le finaliste molte trevigiane. La giuria della Treviso Creativity Week ha deciso: scelte tra le cinquanta candidate (nella foto il Comitato Donna dell’Anno al lavoro), ecco tutte le loro storie. Le votazioni sono online, già centinaia i voti registrati. Il premio sarà assegnato il 26 ottobre a Treviso, lo scorso anno vinse Bruna Graziani.

Treviso Creativity Week è pronta ad animare la Marca Trevigiana dal 20 al 27 ottobre con un ricco carnet di creatività, imprenditoria, innovazione e tantissime idee avvincenti per una terza edizione che lascerà il segno. Grazie al successo riscontrato nella scorsa edizione, torna il premio “Donna dell’anno”, il riconoscimento che vuole promuovere, incentivare e sostenere personalità femminili di spicco della regione del Veneto che con intuito e coraggio si sono distinte nei diversi settori, dall’economia alla cultura, dall’ambito sociale a quello creativo, sia localmente che a livello nazionale. A vincere l’ambito premio lo scorso anno è stata Bruna Graziani, direttore artistico del festival CartaCarbone. Quest’anno a candidarsi son state ben cinquanta donne, di queste la giuria ne ha selezionate quindici, di varia provenienza, età e ambito professionale. Andiamo quindi a conoscerle.

Ecco le donne trevigiane in finale

Da Treviso c’è Elisabetta Viola, founder e designer del brand BGBL. Il suo progetto parte da un’idea di sostenibilità: vecchi palloni da basket vengono riciclati per la realizzazione di borse. I fornitori dei palloni sono le società sportive del territorio che in cambio ricevono palloni nuovi con cui potersi allenare. Barbara Riebologe, regista, formatrice teatrale e attrice che attraverso il progetto 360G.R.A.D.I. vuole dare maggiore visibilità e comprensione reciproca delle diversità culturali, il dialogo e la collaborazione, attraverso una forma di comunicazione innovativa come quella della performance artistica. C’è Sara Paris, archeologa e operatrice culturale, tra i soci fondatori dell’associazione Trevisosotterranea, che in cinque anni è riuscita a rendere fruibili alcuni tratti delle mura cittadine altrimenti non accessibili con circa 3.000 visitatori all’anno. E poi, Gloria Aura Bortolini, documentarista, giornalista e conduttrice di programmi televisivi, presidente e co-direttrice artistica dell’Edera Film Festival, incentrato sulla valorizzazione di opere cinematografiche internazionali di giovani registi under 35.

Nella rosa delle finaliste, anche la trevigiana Jessica Zanardo, autrice del libro autobiografico “La vita di un’altra”, che racconta la sua storia nell’affrontare il diabete, da cui sono poi nate le campagne di sensibilizzazione su questa malattia: #getoutyourjack e #iononnascondoildiabete. Presente l’imprenditrice Paola Salvador, titolare di due aziende nel settore dell’acquacoltura dolce, l’Azienda Agricola Salvador Bortolo Sas e PIT, Produttori ittici trevigiani Società Agricola Consortile a r.l., che negli anni si è distinta per la sua grande innovazione nel settore della trasformazione e confezionamento del prodotto. Segue, Luciana Cremonese, presidente di Sol.Co Cooperativa sociale di Treviso che realizza percorsi di formazione lavoro e inserimento lavorativo di persone in situazione di svantaggio; organizza inoltre la rassegna culturale “Robe da Mati” finalizzata alla sensibilizzazione alle tematiche della salute mentale. Da Povegliano arriva Francesca Girotto, presidente di «Infanzia Omnia», cooperativa sociale che si occupa di cultura dell’infanzia, offrendo servizi come micronido, scuola per genitori educatori, laboratori e centri estivi; mentre da Paese Giulia Gasparini, titolare di Spazio Caffelarte, una caffetteria che si reinventa attraverso l’organizzazione di serate a tema, esposizioni, minishop, laboratori, corsi e musica.

Dal Vicentino e Padova

Proviene invece da Vicenza Ilaria Rebecchi, giornalista e corrispondente per varie realtà del territorio veneto e ideatrice di una video-rubrica «Storie di donne» e dei magazine “Cosa Fare in Veneto” e “Gatte vicentine” dedicato alle donne. C’è anche la compaesana Giulia Stenghele, imprenditrice innovativa che ha trasformato l’attività di famiglia, la stamperia Stenghele, in un vero e proprio laboratorio di idee con molteplici attività creative per adulti e ragazzi e di valorizzazione del territorio. Restando sempre nel Vicentino, precisamente a Schio, troviamo Gabriella Marin, stilista e artigiana, la cui ricerca è incentrata sulla sostenibilità, portandola ad instaurare importanti collaborazioni. Il suo sogno è fondare una scuola di sartoria e una linea di capi per donne di tutte l’età, con tessuto etico ed ecologico. Mentre da Bassano del Grappa è finalista Lucia Cuman, l’imprenditrice che ha saputo rianimare il pensiero di Adriano Olivetti attraverso un progetto dedicato che ha coinvolto tutte le categorie economiche e riuscendo ad accendere l’interesse a quasi 10000 persone. Si aggiunge poi l’artista Selene Bozzato di Conselve (PD) col progetto teatrale “La luna nel bosco”, nato con l’obiettivo di superare una personale malattia e portare all’attenzione del pubblico i problemi generati dai disturbi dell’umore, in particolar modo dal disturbo depressivo. Ed infine, da Padova, la blogger e imprenditrice Gaia Dall’Oglio, che attraverso la società di consulenza Sgaialand srl e il suo progetto editoriale digitale con una community di oltre 250 mila persone, valorizza il territorio veneto e le donne.

Leggi anche:  Aiuto alle famiglie: 26mila euro per rette e mense scolastiche

Come votare

Il voto. Tutti coloro che vogliono votare la propria candidata preferita possono farlo online, assegnando il voto tramite il link: https://tcw409051.typeform.com/to/zbw5V7.

I premi. Alla prima classificata un premio in denaro di 700 euro da destinare a sostegno della causa per la quale è stato riconosciuto il premio e un’opera artistica realizzata da un team di studenti del Liceo Artistico di Treviso. Il premio sarà consegnato la mattina di sabato 26 ottobre nel corso della tappa della Treviso Creativity Week in programma presso il salone del Palazzo dei Trecento di Treviso.

“Donna dell’anno” è un’iniziativa promossa dall’associazione Innovation Future School, organizzata con il supporto di VolksBank e con la collaborazione delle principali realtà impegnate nella valorizzazione e sostegno in tutti i suoi del mondo femminile: l’associazione Rete Al Femminile di Treviso, Lei – Center for Women’s Leadership dell’Università Ca’ Foscari Venezia, la Consigliera di Parità per la provincia di Treviso, Aidda – Associazione Imprenditrici e Donne Dirigenti D’Azienda ed il MO.I.CA – Movimento Italiano Casalinghe. L’evento ha il patrocinio della Provincia di Treviso, del Comune di Treviso, del Comune di Conegliano e del Comune di Castelfranco Veneto.

Treviso Creativity Week

La settimana della creatività si svolgerà dal 20 al 27 ottobre, grazie anche al sostegno di tante realtà del territorio, tra cui Marketing & Co, Ascotrade, 3B spa, Electrolux, Cisco Italia, t2i e Starting Finance Deal, e sarà ancora una volta finalizzata ad avvicinare giovani, imprese e istituzioni con workshop e seminari per ragionare insieme sul futuro e su come agire per fare la differenza. Oltre al Premio Creativity Startup e il premio Donna dell’anno, ecco due novità: PensoFuturo, il concorso di idee dedicato ai ragazzi delle scuole superiori di tutta Italia e la scelta di proporre in apertura della settimana, il 20 ottobre, la giornata nazionale della Creatività e della Fantasia, con “Il Palio di Leonardo”, che vedrà la collaborazione di Gruppo Alcuni, una delle eccellenze italiane nel campo delle creatività.